CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Rubriche

Il bacio azzurro: il film sulle acque irpine nel programma 'Nativi ambientali' del ministero dell'Ambiente

Il bacio azzurro: il film sulle acque irpine nel programma 'Nativi ambientali' del ministero dell'Ambiente

Il Bacio Azzurro di Pino Tordiglione dell'Alto Calore, un film sull'acqua girato tra le sorgenti d'Irpinia, con Remo Girone, Sebastiano Somma Claudio Lippi e Lorenzo D'Agata, già patrocinato da ONU e UNESCO, è stato inserito nel progetto "Nativi Ambientali" del ministero dell'Ambiente, un programma di educazione ambientale per le scuole italiane con percorsi formativi e didattici, a partire dall'anno scolastico 2015-2016. 
A darne annuncio è stato il ministro Gian Luca Galletti dopo l'incontro con il cast del film tenutosi ieri a Roma. Lo stesso ministro sta studiando di organizzare un grande evento  di apertura  con il film in occasione dell'inaugurazione del prossimo Expo di Milano. L'Opera, con la presenza dello stesso ministro, sarà presentata, in prima Mondiale, il prossimo 20 marzo alla Cineteca di Bologna in collaborazione con l'Università di Bologna e Last Minute Market del prof. Andrea Segré  nell'ambito dell'apertura dell'iniziativa "Spreco Zero" in occasione della Giornata Mondiale dell'Acqua.
"Questa dell'Alto Calore è un'iniziativa importante che s'inserisce in un programma del Ministero in cui io credo molto che è quello della diffusione della cultura ambientale soprattutto tra i giovani - ha commentato Galletti - Noi risolveremo gran parte dei problemi ambientali di questo paese solo solo nel momento in cui insegneremo ad ogni cittadino sopratutto ai più giovani il rispetto dell'ambiente. Il concetto è molto semplice, lo possiamo sintetizzare  nel “tenere bene il proprio giardino” questo sarà il momento nel quale noi avremmo risolto molti dei problemi del nostro paese quindi dobbiamo incominciare proprio da qui, dobbiamo cominciare ad insegnare ai nostri figli che cosa vuole dire rispettare l'ambiente ed il film va in questa direzione e va nella direzione di un tema che è tra i più caldi e sui quali noi dobbiamo porre la maggiore attenzione che è l'acqua. Noi abbiamo sempre considerato l'acqua un bene infinito e possiamo utilizzarla quante ne vogliamo, non è cosi! Ogni volta che noi sprechiamo un litro d'acqua buttiamo via una parte del nostro ambiente, una parte importante del nostro futuro. Tutto quello che insegna e che va nella direzione di risparmiare l'acqua è benedetto da questo ministero nel senso che uno degli obiettivi  che noi abbiamo è proprio questo: far capire che risparmiare acqua sia necessario per assicurare il futuro alle generazioni che verranno e guardate che non stiamo parlando di cose che ci potranno capitare tra cent'anni. La scarsità d'acqua - ha concluso il ministro - si può manifestare anche in un prossimo futuro, allora risparmiare l'acqua ogni volta che si può deve essere un obiettivo di ogni cittadino italiano e dico di più, di ogni cittadino di questo  pianeta. Io credo che il film (IL BACIO AZZURRO) vada diffuso il più possibile sul nostro territorio nazionale anche in eventi istituzionali, penso alle scuole, ma penso anche ad EXPO 2015 se questo sarà possibile perché, ripeto, la diffusione della cultura ambientale è necessaria ed indispensabile al nostro Paese". 

Condividi: