CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Dai Comuni

Sant'Angelo dei L. - Al Criscuoli l'artigianato entra in classe con il progetto "Discipulus"

Sant'Angelo dei L. - Al Criscuoli l'artigianato entra in classe con il progetto

L’Istituto Comprensivo “V.Criscuoli” di Sant'Angelo dei Lombardi riprende quest’anno l’esperienza del Progetto “Discipulus”, a firma del Dirigente scolastico Nicola Trunfio. Una sinergia di belle realtà del territorio: la Confartigianato, l’Associazione Giada, il Centro per l’istruzione adulti di Avellino, l’Associazione Altirpinia.
Cinque saranno i moduli sui quali si articolerà il progetto: “Li faenzari”: a scuola di ceramica d’arte; “Litos”:  lavorare la pietra; “Xoanon”: l’arte dell’incisione lignea; “Moda e design ieri/oggi; Multimedi@rt: arte e multimedia. Il progetto intende avvicinare i giovani, attraverso il coinvolgimento di maestranze locali, alle tecniche basilari di lavorazione decorativa della ceramica, della pietra, del legno, al mondo della moda e del cinema.
L'artigianato, dunque, costituisce la colonna portante del progetto. "Prosegue la collaborazione proficua con l'istituto Criscuoli. Dirigente e docenti stanno esaltando i valori, la tradizione, le opportunità che offre il nostro settore. L'artigianato è una delle eccellenze dell'Irpinia, che può dare un contributo concreto alla crescita del territorio. Il fatto che venga inserito nei percorsi didattici come materia di studio consente di approfondirne la conoscenza tra le giovani generazioni, che da una prospettiva diversa possono avere un quadro completo", sottolinea il presidente di Confartigianato Avellino e Campania, Ettore Mocella.  “Il valore di questo progetto risiede nel fatto di seminare la cultura dell'artigianato ai ragazzi delle scuole medie – aggiunge Mocella - Non importa cosa diventeranno questi ragazzi da grandi (impiegati, professionisti, imprenditori). La cosa veramente importante, che porteranno sempre con sé, é che dietro un oggetto artigianale c’è un lavoro, una storia, una cultura, un gesto. Dopo questa esperienza sapranno sempre riconoscere e apprezzare un oggetto artigianale, distinguerlo dagli altri”.
Tra i docenti lo stilista calitrano Salvatore Caruso, ideatore delle griffe “Nelle grandi fauci”. Tra gli obiettivi prefissati quello di stimolare l’inventiva attraverso il disegno, il ritaglio e la realizzazione di vestiti nati dalla creatività dei ragazzi.
L’ultimo modulo vedrà impegnati i ragazzi, attraverso la collaborazione di cineasti del territorio come Enrico Tordiglione, sul fronte del cinema. Scopriranno come si realizza un cortometraggio, come si scrive una sceneggiatura valorizzando le risorse del territorio, il verde e i borghi  in cui vivono, le sorgenti e le pietre, le tradizioni e la cultura, il silenzio e il cielo che avvolgono i loro paesi in una dimensione atemporale che sfugge alla globalizzazione.
Ogni modulo si concluderà somministrando ai partecipanti i questionari di osservazione e di gradimento, e con uscite didattiche complementari alle finalità del Progetto “Discipulus”.
Destinatari delle attività proposte da ciascun modulo, un gruppo eterogeneo di circa 20 alunni per fascia di  età. Saranno coinvolti anche i giovani diversamente abili frequentanti il Centro Giada. Sarà aperta la partecipazione ad un gruppo  di adulti permettendo loro di sperimentare l’attività didattica, seguire, affiancare e guidare gli adolescenti nell’esperienza proposta. Le sedi delle attività saranno i plessi di Sant'Angelo, Torella, Morra, Guardia e Rocca San Felice.

Condividi: