CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Politica

Assemblea Alto Calore: Sì al consuntivo con il 58,75% delle quote.Posticipata al 2023 la ricapitalizzazione

Comune capoluogo e Provincia si astengono.Festa:" Lavoriamo per un'altra gestione, ma non era questa la sede"

Assemblea Alto Calore: Sì al consuntivo con il 58,75% delle quote.Posticipata al 2023 la ricapitalizzazione

Passa con il 58,75 per cento il bilancio del rilancio. Michelangelo Ciarcia ottiene il lasciapassare sul consuntivo 2019 con due soli voti contrari, di Montemiletto e Apollosa  e con l'astensione del Comune di Avellino e della Provincia pari al 21 per cento delle quote. Passa quindi la continuità aziendale proposta dalla relazione Ciarcia con lo slittamento dell'aumento di capitale chiesto dai soci - sindaci lo scorso anno alla data del 2023 e risolvere il rosso dei 140 milioni di Euro anche tramite i fondi Covid per le aziende.
 L'utile  della gestione è pari a 1 milione,056 di euro con risparmi sull'energia elettrica e sul personale. L'assemblea allestita in una tenda all'esterno della sede di Corso Europa in  funzione dell'emergenza Covid ha visto una notevole partecipazione, tra i tanti primi cittadini e delegati con la presenza del presidente De Mita - sindaco di Nusco,  che ha lasciato in anticipo i lavori dell'assemblea.
Soddisfatto Ciarcia perchè il risultato raggiunto è la conferma  " del lavoro svolto per il quale mi sono preso delle responsabilità e non credo che le astensioni sono da considerarsi una spada di Damocle sulla mia gestione. Le astensioni si possono interpretare anche positivamente perchè, Provincia e Comune esprimono molte aree ed è difficile interpretarle tutte."
 Ciarcia è apparso invece più preoccupato per la stagione estiva ormai alle porte e sulla capacità  dei serbatoi per far fronte alla carenza d'acqua. Resta in piedi comunque l'astensione dei due soci maggiori, il Comune capoluogo e la Provincia, In particolare del Comune che aveva avuto un mandato preciso dal consiglio comunale  per sfiduciare Ciarcia. 
Festa al termine della seduta nel confermare che " il bilancio non ci ha convinti per la mole di debiti, 100 solo con i fornitori a fronte dei quali non si riescono a riscuotere i crediti. Ma - ha aggiunto -  l'incertezza per il futuro dell'Alto Calore passa per l'approvazione del bilancio: occorre distinguersi perchè abbiamo intenzione di lavorare per una soluzione alternativa. Oggi non era l'occasione per costruirla. Non era questa la sede."

  • Assemblea Alto Calore: Sì al consuntivo con il 58,75% delle quote.Posticipata al 2023 la ricapitalizzazione
  • Assemblea Alto Calore: Sì al consuntivo con il 58,75% delle quote.Posticipata al 2023 la ricapitalizzazione
Condividi: