CERCA

Fondazione Officina Solidale Onlus
Vetrina

Avellino - In attesa del ballottaggio, la possibile ripartizione dei seggi

Avellino - In attesa del ballottaggio, la possibile ripartizione dei seggi

In attesa del ballottaggio tra Nello Pizza, candidato del Centrosinistra e Vincenzo Ciampi del Movimento 5 Stelle, comincia a delinearsi il nuovo Consiglio comunale di Avellino.
Le ipotesi in campo sono due, ma in ogni caso il Centrosinistra si ritroverebbe ad occupare la maggioranza delle poltrone in Consiglio. Se al ballottaggio dovesse vincere Ciampi, al Centrosinistra toccherebbero comunque 18 seggi su 32 ripartiti in questo modo: 6 per il Partito Democratico (Livio Petitto ( il più votato con 1135 preferenze),  Laura Nargi, Enza Ambrosone, Nino Montanile, Stefano La Verde ed Ivo Capone); 4 seggi andrebbero alla lista "Davvero Avellino" (Gianluca Festa, Ugo Maggio, Tonino Genovese, Giuseppe Negrone); 4 spetterebbero alle due compagini "Avellino è popolare" (Nicola Giordano e Alberto Bilotta) e "Avellino rinasce" (Lino Pericolo e Modestino Verrengia).
Inoltre 2 seggi andrebbero a "Insieme Protagonisti" (Gianluca Gaeta e Stefano Luongo); ad "Avellino libera è progressista" un seggio con Adriana Percopo e un seggio ad "Avellino Democratica" con Ettore Iacovacci.
Invece il M5S, oltre al sindaco Vincenzo Ciampi, eleggerebbe 5 consiglieri che sono Antonio Aquino, Massimo Mingarelli, Alfonso Laudonia, Elsa D'Aliasi e Maura Sarno.
Alla compagine di Cipriano andrebbero 3 seggi occupati dal candidato sindaco, Marietta Giordano e Leonardo Festa. Al Centrodestra toccherebbero 4 seggi con Sabino Morano, Lazzaro Iandolo, Ines Fruncillo e Damiano Genovese. Ed infine i due candidati sindaci Dino Preziosi di "La svolta comincia da te" e   Nadia Arace di "Si Può".
Questa la composizione in caso di vittoria di Ciampi, mentre la seconda ipotesi è legata alla vittoria di Nello Pizza. In questo caso ci sarebbe qualche modifica: il PD eleggerebbe 7 consiglieri invece di 6 con il rientro di Franco Russo, mentre "Avellino è popolare" passerebbe da 2 a 3 inserendo anche Carmine Cardillo
Dall'altro lato, invece, "Forza Italia" perderebbe il seggio di Ines Fruncillo e il Movimento 5 Stelle dovrebbe rinunciare a Maura Sarno e forse anche a Elsa D'Aliasi.
Si tratta, tuttavia, di una situazione ancora tutta da definire. La verità in ogni caso, al di là delle ipotesi che si possono fare si saprà solo fra poco meno di due settimane quando si terrà il ballottaggio. 
Per quanto riguarda i consiglieri più votati, si riconferma Livio Petitto con 1135 voti, poi Laura Nargi con 774 preferenze seguita da Enza Ambrosone che debutta nel Pd con 456 voti. Incassa 376 preferenze Ivo Capone, 394 Stefano La Verde, Carmine Montanile con 440 voti. Exploit confermato per Gianluca Festa con 646 voti che trascina Ugo Maggio con 390 preferenze, a 395 voti si attesta Giuseppe Negrone e per "Davvero", Antonio Genovese a 315. Per "Insieme Protagonisti", 318 per Gianluca Gaeta con 318 voti e Stefano  Luongo a 295. Exploit anche per Ettore Iacovacci con 628 voti e bene Nicola Giordano per i popolari con 501 voti, conferma anche per Raffaele Pericolo con 430 preferenze.

Condividi: