Savino, Di Domenico e Mercurio i professionisti incaricati per valutare Irpiniambiente

 


Il Presidente dell’Ato Valentino Tropeano ha firmato questa mattina il decreto di nomina dei professionisti che lo supporteranno nella verifica dell’idoneità della società provinciale Irpiniambiente, al fine di procedere ad un eventuale affidamento del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani. La decisione di procedere alla nomina di una commissione è stata assunta nel corso dell’ultimo consiglio d’ambito, quando venne deliberata la necessità di procedere alla nomina di tre esperti in diritto societario, amministrativo e contabile. I professionisti incaricati sono i dottori commercialisti Antonio Savino e Vincenzo Di Domenico, entrambi con studio ad Avellino e l’avvocato Bruno Mercurio, legale di Angri con studio a Napoli. Il decreto presidenziale – redatto sulla scorta della deliberazione dell’ultimo consiglio d’ambito – prevede che i tre esperti – che riceveranno un compenso complessivo di 39mila euro – dovranno verificare: la possibilità di gestione del servizio integrato dei rifiuti mediante una società a totale partecipazione pubblica, valutando l’adeguatezza degli aspetti tecnici e industriali del modello organizzativo che assicuri l’efficienza, l’efficacia e l’economicità del servizio stesso; la possibilità di acquisizione della società pubblica provinciale Irpiniambiente, che attualmente gestisce in regime di proroga il servizio della quasi totalità dei comuni facenti parte dell’Ato, procedendo all’esame degli aspetti finanziari, del piano industriale e degli atti relativi alla costituzione, ivi compresi lo statuto e la convenzione; gli asset finanziari della società pubblica affinché la eventuale acquisizione delle quote sociali non comporti un’alterazione degli equilibri economico-finanziari dell’Ente d’Ambito. Soddisfatto il presidente Tropeano che continua a portare avanti – in piena sintonia con il consiglio – un’attività improntata sulla trasparenza e sul rapido raggiungimento degli obiettivi prefissati. “Nelle settimane successive al consiglio – spiega - abbiamo lavorato alacremente per individuare i profili più adeguati alla realizzazione di questo delicato incarico: ho incontrato personalmente gli esperti individuati per rappresentare le necessità dell’ente e gli obiettivi da definire. Ancora una volta, abbiamo deciso di affidarci a professionisti leader del settore di competenza: un percorso che è stato pure veloce considerando gli obiettivi raggiunti, checché ne dica chi prova solo a criticare e mettersi di traverso, senza aiutare nella costruzione di un progetto che è complesso e delicato”. In questo senso, è fissata per martedì 11 maggio la presentazione – da parte dei vertici del Conai che ne hanno supportato la redazione – del piano d’ambito per il servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani con dimensionamenti e costi. Il piano – che sarà successivamente portato all’attenzione del consiglio d’ambito per la definitiva approvazione – consente di procedere a grandi passi verso l’acquisizione della gestione integrata dei rifiuti.