Manutenzione straordinaria delle strade delle aree interne, 300milioni nel decreto Fondo complementare al PNRR

La Conferenza Stato-città ed autonomie locali ha raggiunto l'intesa sul decreto che assegna i 300 milioni di euro previsti dal Fondo complementare al PNRR per la manutenzione straordinaria delle strade delle aree interne. Il testo è stato predisposto dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, di concerto con il ministro per il Sud e la Coesione territoriale e con il Ministero dell'Economia e delle Finanze.

"La nostra strategia di attenzione nei confronti delle aree interne inizia a dare i suoi frutti", ha commentato il ministro Mara Carfagna. "Per oltre 13 milioni di italiani, una strada rappresenta spesso l’unico strumento per potersi avvalere di diritti essenziali come la sanità, l’istruzione, i trasporti. Noi vogliamo continuare a garantire loro questi diritti e per questo tra PNRR e Fondo complementare abbiamo previsto un miliardo e 125 milioni di investimenti non solo per le strade, ma anche per farmacie, servizi e infrastrutture sociali".

Il decreto, che a questo punto attende solo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, distribuisce le risorse comprese nel Fondo complementare dal 2021 al 2026. A usufruirne saranno le 72 aree già ricomprese nella SNAI, ma anche quelle che eventualmente dovessero essere ufficializzate entro il 31 dicembre 2021. Dei 300 milioni previsti, circa il 47% sarà destinato al Sud.

Una volta ripartiti i fondi tra le singole aree, saranno le rispettive assemblee dei sindaci a individuare gli interventi prioritari sulla rete viaria regionale, provinciale e comunale al fine di migliorare l'accessibilità del territorio ricompreso nell'area interna.

Gli interventi straordinari di manutenzione finanziati con le risorse stanziate possono includere:

  • la progettazione, la direzione lavori, il collaudo, i controlli in corso di esecuzione e finali e altre spese tecniche;
  • la realizzazione vera e propria della manutenzione straordinaria e l'adeguamento normativo delle diverse componenti dell'infrastruttura, ma anche interventi conseguenti sulla segnaletica, l'illuminazione e i sistemi di info-mobilità;
  • il miglioramento delle condizioni di sicurezza;
  • ulteriori interventi come la realizzazione di percorsi per la tutela delle utenze deboli, il miglioramento delle condizioni per la salvaguardia della pubblica incolumità, la riduzione dell'esposizione al rischio idrogeologico, ecc.