Pasquale Pisano nuovo presidente Consorzio Asi. Prevale sull'asse Vignola - Petitto -De Mita

 Il sindaco di San Martino Valle Caudina, l'architetto Pasquale Pisano  è il nuovo presidente del consorzio Asi di Avellino. Succede a Vincenzo Sirignano, cui va il merito di aver traghettato l'Asi in un momento difficile superando grandi criticità economiche, anche se restano notevoli difficoltà  gestionali e di prospettiva. Pisano è stato eletto con 19 voti dai sindaci riuniti nella struttura  adiacente l'Asi, battendo il candidato Michele Vignola attestatosi a 13 voti. Da rilevare anche una scheda bianca. 


 Il primo cittadino di San Martino  è stato appoggiato dall'asse Petracca - Alaia e da altri amministratori, tra i quali il sindaco di Cervinara Caterina Lengua e la delegata del Comune di Sant'Angelo dei Lombardi Rosanna Repole,  che si sono riconosciuti nella proposta per ragioni territoriali ed istituzionali. Vignola incece è stato sostenuto dall'asse De Mita - Petitto - Basso De Caro. 


Nel  comitato Direttivo sono stati eletti  Michele Spinazzola sindaco di Melito con 22 voti, Pasquale De Santis sindaco di Contrada  con 20 voti e Yuri Gioino con 19 voti.  I tre nuovi amministratori hanno vinto sui candidati espressi dalla "mozione" Vignola rappresentati dai sindaci Enrico Franza, Angelo Lanza e Gaetano De Maio delegato dal comune di Mercogliano. 


Eletti come revisori dei conti, Marco Corrado e Marco Puorro.  Perde un baluardo importante e di prestigio il leader dei popolari Ciriaco de Mita intervenuto nella votazione. 


La novità è rappresentata da un territorio che mai fino ad ora aveva espresso una rappresentanza istituzionale di tal livello.


Pisano, consapevole delle difficoltà che dovrà affrontare, si è dichiarato pronto ad accettare la sfida del Recovery Found confermando l'impegno per progetti importanti come la Piattaforma Logistica di Valle Ufita e le opportunità offerte dalle Zes e dai progetti messi in campo, quali quelli riguardanti la Valle Caudina e il Quinto Lotto della Lioni - Grottaminarda e una grande attenzione per l'area Asi di Solofra. (A.P)