Dissequestrato il Mancini: Biancardi: " Non vogliamo aspettare settembre per il ritorno nella sua sede"

Arriva il dissequestro del Liceo Scientifico P.S.Mancini da parte del Tribunale di Avellino. L'istanza di dissequestro presentata dall'Ente Provincia guidato dal Presidente Domenico Biancardi nel settembre dello scorso anno alla fine è stato accolto. Il consulente tecnico dell'istituto  Nicola Augenti aveva presentato la relazione sulle condizioni statiche con il problema della palestra della scuola che rappresentava il punto "debole"  per quanto riguardava la sicurezza del Mancini. Sul solaio era intervenuto l'Ente di Palazzo Caracciolo con i lavori di messa in sicurezza e i segnali positivi della discussione della settimana scorsa si sono concretizzati con l'ordinanza del Gip Marcello Rotondi per il dissequestro dell'Istituto ad eccezione della palestra su cui rimangono i sigilli.
 Nel corso della conferenza stampa del primo pomeriggio, al quale hanno partecipato, oltre a Biancardi, il consigliere delegato all'Istruzione Girolamo Giaquinto e l'avvocato Luigi Petrillo, legale incaricato dalla Provincia per il caso dissequestro, e' stato evidenziato, " la conclusione di un percorso per aver restituito l'edificio alla collettività, così come si e' adoperati in passato per l'Amatucci e il Dorso". Soddisfazione e' stata espressa dal numero uno della Provincia " per aver lavorato insieme alla Procura per individuare le soluzioni. E dopo due anni e mezzo, l'Istituto e' pronto per essere restituito e salvaguardare gli studenti. Sono felice - ha aggiunto Biancardi - per il mondo Mancini". Ci sara' da ottemperare ad alcune prescrizioni, e " domani  mi incontrerò " con la dirigente dell'Amabile per valutare il da farsi ". Per il Presidente, " l'idea è quella di riuscire a riportare entro aprile, per Pasqua, le tre sedi del liceo presso via De Conciliis anche se occorrerà ottemperare ad alcune prescrizioni, come l'utilizzo a mo' di uffici di alcune stanze per le quali è stato disposto un peso minore e da non utilizzare come aule". 
Il Liceo può aprire pertanto, ma occorre sgravare di carico il sottotetto e i solai . Sono stati concessi trenta giorni per i lavori e come ha affermato l'avv.to Petrillo, " la struttura e' adeguata a sostenere i carichi ed è sicura. Non è' a rischio crollo".