Nasce a Flumeri l'Academy dell'Industria 4.0 carbon free dell'Autobus

 Linee di saldatura robotizzata; logistica di stabilimento integrata e connessa; manipolatori per carichi pesanti, per arrivare - a regime - alla piena decarbonizzazione dello stabilimento attraverso l’adozione di tecnologie connesse alla gestione energetica fino ai nuovi prodotti legati all’alimentazione ad idrogeno, gli autobus dei prossimi anni. Sono soltanto alcuni esempi degli obiettivi che si pone il protocollo d’intesa sottoscritto fra Industria Italiana Autobus e il Dipartimento di Ingegneria Chimica, dei Materiali e della Produzione Industriale - Università degli Studi di Napoli Federico II. Volto a creare una stretta sinergia tra il mondo della Ricerca e quello Industriale, l’accordo, che vede nello stabilimento di Flumeri il suo asse portante, coprirà una serie di attività formative progettuali e di ricerca focalizzate sull’Industria Automotive ed in particolare quella degli autobus che vede lo stabilimento Irpino di IIA porsi quale principale e più grande attore nazionale del settore. Tra gli ambiti di attività previste: 

• Lean Manufacturing 

• Project Management Industriale

• Smart manufacturing, production and predictive maintenance Progetti che interesseranno a tutto tondo lo stabilimento e il suo processo produttivo, e che porteranno l’intero ciclo industriale verso l’Industria 4.0.

Attività che accompagneranno l’impianto di Flumeri sempre più avanti nell’utilizzo delle nuove tecnologie, ma consentiranno contestualmente al personale di lavorare con sempre maggior sicurezza, rimanendo aggiornato sugli standard che la rivoluzione legata alla transizione ecologica richiede al mondo industriale. Inoltre, attraverso questo accordo Industria Italiana Autobus potrà rafforzare le proprie risorse umane con personale sempre più formato sulla propria attività attingendo ad un bacino di eccellenze che ogni anno la Federico II mette a diposizione con le sue attività formative. Per Industria Italiana Autobus l’accordo raggiunto rappresenta un altro tassello per la rinascita del Polo produttivo di Flumeri che contribuirà al rafforzamento del tessuto industriale del territorio.