Bagnoli - Denunciata una donna e 2 romani ritenuti responsabili del reato di truffa per 3500 Euro

 

I Carabinieri della Stazione di Bagnoli Irpino hanno denunciato una donna e due uomini di Roma, di età compresa tra i 40 e i 55 anni, ritenuti responsabili del reato di truffa.

A cadere nella loro trappola, un anziano del posto che, deciso a vendere uno scooter elettrico che non utilizzava, pubblicava un annuncio su un noto sito on-line. Veniva quindi contattato da un soggetto che, fingendosi interessato all’acquisto riusciva, con artifizi e raggiri fatti telefonicamente, a farsi accreditare dalla vittima circa 3.500 Euro.

Attraverso una serie di accertamenti i Carabinieri sono riusciti ad identificare i tre presunti malfattori per i quali, alla luce delle evidenze emerse, è scattata la denuncia in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria.

I truffatori, su vari portali, notano della merce in vendita. Quindi contattano il venditore. Si dicono interessati all’acquisto e riferiscono allo stesso di rimuovere l’annuncio e, a testimonianza della serietà dell’operazione, di lì a poco, pagherebbero al venditore un acconto. Per procedere all’accredito, i truffatori invitano il venditore a recarsi presso una postazione “bancomat”, inserire la propria carta e a seguire alcune indicazioni telefoniche fornite contestualmente dai truffatori stessi.

Al termine di tali operazioni in realtà si verifica esattamente l’opposto, ovvero è il venditore che trasferisce il proprio denaro al truffatore.

Si raccomanda, in ogni tipo di compravendita online, di prestare la massima attenzione alle richieste di denaro effettuate da chi dovrebbe acquistare e di rivolgersi, in ogni caso sospetto, alle forze di polizia.