Filca Cisl, Lo Russo elenca i risultati nel Direttivo e conferma l'impegno per la legalità e la sicurezza

 

Con l’aggiudicazione dei lavori dell’ultima tratta (lotto di lavori) Hirpinia – Orsara della linea Alta Velocità/Alta Capacità ferroviaria Napoli – Bari al Corsorzio HIRPINIA formato dal Gruppo Webuild e Pizzarotti, e che segue quella della tratta attigua Orsara-Bovino dello scorso 14 giugno e le consegne dei lavori delle tratte Frasso–Telese e Apice-Hirpinia, si segna l’avvio complessivo di tutti i lotti aggiudicati confermando il programma di RFI (Ente aggiudicatario) con tutti i cantieri che saranno per la fine del 2021 tutti avviati e operativi.

L’ultimo lotto dei lavori aggiudicato per 1,075 miliardo di euro  sulla tratta Hirpinia - Orsara caratterizzato dalla realizzazione di una galleria lunga circa 27 chilometri, sui 28 complessivi. Dovrebbe, una volta ultimato e a sistema sull’intera linea Napoli –Bari, permettere la riduzione dei tempi di viaggio il Tirreno e l’Adriatico, l’aumento della capacità (più frequenza) di treni passeggeri e merci sulla linea nonché la circolazione di treni merci a standard europei (lunghezza, peso e ingombro di sagoma).

 

I territori interessati dal tracciato lavorano lo sviluppo collegato. Una pianificazione che secondo RFI deve essere tradotta il più velocemente possibile in opere strategiche, in modo da arrivare pronti all’appuntamento del 2026”. Rfi contribuisce con il 2% dell’investimento alle opere connesse, mentre le Regioni Campania e Puglia partecipano con un’altra quota di finanziamento ad un programma da attrattore di investimenti. In questa cornice, i poli logistici su cui scommettere sono quelli esistenti del Tirreno e dell’Adriatico, con una spinta alle aree Zes che sono già state individuate e che devono essere rese operative. In questa cornice la piattaforma logistica e le vie di collegamento intermodali saranno da elementi infrastrutturali di sviluppo del territorio irpino all’interno di un più grande disegno logistico del mezzogiorno.

 

Si è tenuto il Direttivo territoriale della Filca Cisl di Avellino. Il responsabile Giovanni Lo Russo ha illustrato proprio nella relazione politica sindacale l’opera della tratta Hirpinia-Orsara sulla AV-AC Napoli-Bari e ponendo l’accento sul potenziale occupazionale che interessa le maestranze della provincia Irpina: la mole dei lavori, il numero delle maestranze e la molteplicità e la complessità delle lavorazioni pone all’attenzione di tutti, istituzioni, parti sociali e lavoratori il tema della sicurezza dei lavori e dei lavoratori. Dunque il tema della congruità, ossia del rapporto entità dei lavori e lavoratori impiegati, misure e oneri sulla sicurezza, gestione organizzativa del lavoro e trasparenza, nonché l’osservanza delle norme di legge e di contratto del settore edile, sono tutti elementi imprescindibili perché i cantieri possano procedere certo con i vincoli e i tempi di capitolato, ma secondo lavoro in sicurezza e trasparente.

 

In Prefettura di Avellino la Filca Cisl, insieme ad altri e le OO.SS di categoria,  alle Confederazioni, così per l’itinerario sulla Napoli-Bari per il raddoppio Apice-Orsara, si batterà per  l’applicazione di uno specifico Protocollo di legalità e sicurezza sui luoghi di lavoro con la specificità e non in via generale delle lavoro edile e in galleria. Un tavolo tematico in Prefettura dovrà curare il monitoraggio e l’osservazione delle norme convenute, agire in via preventiva sotto il profilo della trasparenza in termini di antimafia, l’osservanza e il controllo delle maestranze impiegate, la sicurezza delle attività di cantiere. La congruità e sicurezza dovranno essere di ispirazione all’intero protocollo.

Su queste tematiche e su questo lavoro, dichiara Lo Russo,  attendiamo riscontro.

 Lo Russo ha illustrato ancora l’epilogo della vicenda Novolegno, con l’ottenimento di un indennizzo economico ai lavoratori interessati dal provvedimento di licenziamento. In questo vi è stata tutta l’assistenza e la vicinanza possibile della Filca Cisl ai lavoratori e mantenendo il forte legame di prossimità.  È stato illustrato l’integrativo provinciale dell’Edilizia Industria della Provincia di Avellino, da presentare e discutere con l’Associazione Costruttori di Avellino e la fase congressuale che vedrà la Filca Cisl territoriale e a tutti i livelli con la Cisl rinnovare i propri organismi e le linee d’azione sindacale.

I dati in Cassa Edile fanno registrare una rappresentanza sindacale della Filca Cisl di Avellino del 53,4%: la maggiore rappresentanza e ben oltre i dati sommati di Feneal Uil e Fillea Cgil.